una boa nell’oceano

20861951_1395706947214393_3439968893211983760_o

Premetto, non sono nessuno, però sempre più spesso mi chiedono materiale, in particolare foto.
Eh si, le foto di più, forse perchè i testi che scrivo o fanno incazzare qualcuno o sono troppo personali.
Le foto invece, fanno sempre contenti tutti.

Continua a leggere

e così sia..

20881930_1393594847425603_7232200292515009727_nE’ così.
Non so perchè ma è così
Corro sui ricordi.
O almeno mi sembra di farlo.
Non lo so.
Questo è quello che mi sento adesso addosso.
Ogni mattina mi sveglio, lavo i denti, metto scarpe e cuffie, prendo le chiavi e…via, fuori.
Nel fresco, a correre il giro della città.
A respirare la mia città.
A rincorrere ricordi nei posti che mi hanno fatto diventare grande.

Continua a leggere

mani che serviranno, almeno qui.

Schermata 2017-08-05 alle 14.59.49Queste mani, fra poco serviranno, almeno qui.
Servono per una settimana, ahimè, solo una settimana.

Perchè questo è e a Viterbo questo succede.
Inutile sostenere il contrario e inutile anche fare gli offesi.
In questa città, per un anno, siamo tutti sconosciuti e quelli che conosciamo sono nemici, cavalcano interessi altrui, sembrano e si atteggiano tutti come amanti traditi.

Continua a leggere

chiesa della pace.

19402224_1341885122596576_7855839836090660751_o

Chiesa della Pace, pomeriggio inoltrato.
C’è solo metà della porta d’ingresso aperta, a dire “guarda che c’è vita all’interno”. Entro mentre la luce violenta la facciata e il peperino degli scalini.
Mi viene in mente che in Sardegna, questo sole, lo chiamano “La madre del sole” e ai bambini raccontano storie di paura per far capir loro che è pericoloso. La facciata della chiesa è rovente. Entro dalla porta e la sensazione di essere in un rettilario svanisce temporaneamente. Il sole è ancora là fuori ma dentro c’è gente, ci sono respiri, fiato, sudore e umidità. Ma l’ombra vince su tutto. Continua a leggere

mi mancherete…

Schermata 2017-06-16 alle 15.50.20E così, in questa estate torrida, dove la pioggia è bramata come un’amante e la terra inizia a sbriciolarsi sotto il sole, qualcosa inizia a muoversi di nuovo, a svegliarsi dal torpore, a rimettere in moto anime e sudore.

E’ singolare ciò che accade: ci sono persone che dopo un percorso silente di un anno circa, fatto di saluti e di “come va?”, dopo un caffè di fretta, una chiacchiera al supermercato, si ritrovano, adesso, sotto un unico cielo.
Sono lì di nuovo, a caricare tensione e a produrre nuova energia.

Continua a leggere

la foto

14242351_1054901594628265_2175421088052081452_oFra le tante foto è comparsa questa.
L’ho guardata a lungo.
E’ l’ultima, la più bella, a mio personale avviso.
Non ne posterò altre.

Ci sono poche cose dentro: un camice bianco, un simbolo colorato ed un concentrato di tenerezza nel petto accogliente di un padre.
Quel simbolo significa tradizione, storia, un luogo, le nostre radici.
Quel petto vuole dire protezione, un luogo sicuro e la certezza che qualsiasi cosa capiti “lui” ci sarà.  Continua a leggere

i soliti due…

14195446_1053610691424022_3039800353746352221_oI soliti due vecchietti.
Sono alla solita panchina o al solito bar, poco importa.
Iniziano a parlare. Si ritrovano dopo la festa.
Shhhh, sentiamo cosa dicono…

– L’hae veduta? Continua a leggere