i soliti due…

14195446_1053610691424022_3039800353746352221_oI soliti due vecchietti.
Sono alla solita panchina o al solito bar, poco importa.
Iniziano a parlare. Si ritrovano dopo la festa.
Shhhh, sentiamo cosa dicono…

– L’hae veduta? Continua a leggere

Aspettamo và…

12322931_1035892993195792_6408729545331470711_o

Shhhhhhh ho sentito un discorso…
I soliti due vecchietti, sulla panchina, parlano di qualcosa che succederà fra poco…

– Lo sae?

– C’ho dà sapè?

– Che manca poco!

– A che manca poco?

Continua a leggere

stì donne!

175_accettura_sud_italia-1-di-1

L’estate, dopo un piccolo intervallo fatto di temporali sembra ritornare più forte di prima. I soliti due si confrontano, questa volta, sulla differenza nel modo di comunicare fra uomo e donna.. A modo loro! Shh…… sentiamo…

–       Ecchete và! E come mmai tardi così? Te s’è arzato mò?

–       Se lallero… E’ toccato nnà accompagnà la mì moje su da la su sorella, j’eva da fa l’orlo mà li pantaloni del zù marito. Ecchè nò lo sae come va a ffenì? Se so messe a chiaccherà che m’hanno fatto venì l’orecchie come ddù foje de broccolo. Zittete và.. Continua a leggere

Ejelo..

175_accettura_sud_italia-1-di-1

Mentre l’Italia vince, Bud spencer muore e gli islandesi mandano a casa gli inglesi che ci sono voluti rimanere da soli, qui è sempre più caldo, le giornate sono una sorta di fornace a cielo aperto e i due vecchietti si incontrano sempre al solito posto, poco importa dove.
Importa invece la logica senza filtri, il confronto con i tempi moderni, con la civiltà che progredisce e i termini di paragone col passato. Eccoli …

–       l mónno è dde li furbe!

–       E fregna! So appena rrivato e angià me rigali stà perla de saggezza?

–       E’ che penzavo a arta voce.. lo vedi quello?

–       Quale?

–       Quello lì, quello de fronte al nigozzio. Quello cò quella sorte maghina. Momente c’entra dentro, pè non fa diece metre a piedi. C’è ‘l segno de l’handicappati e lui ce s’è messo sopre. Se je lo vai a ddì che ccosa te dice: “ Ecchevvoì mò? è n’attimo!”… ‘n corpo che te pije vojo.. sto dilinguente! Continua a leggere

i soliti due e il ballottaggio

175_accettura_sud_italia-1-di-1

i soliti due, si riincontrano…

– aahhhh .. allora sèi tornato!
– ciao quell’ò, n’è che sò tornato, me sò proprio dato!
– e ndà dove?
– j’ho detto “tante bace man tutte, io vò a casa mia!”
– ma che stai a ddì? de che parli?
– la mì nòra.. c’è vinuta a pija l’antro ggiorno che s’era messa d’accordo cò la mi moje.. c’ha portato al mare! ha capito? al mare! e chi cazzo ce voleva annà al mare? io stavo tanto bbene a casa mia! C’erono pure le partite dell’europei!
– Embè? Ma come? Te  porta a pija ‘m pò d’aria cò lo iodo.  Aggratise! ha visto che sèi ridotto ‘n caschemaddosso!

Continua a leggere

i soliti due e “l’europei”

13432401_992152220903203_4637895911569440000_n

I soliti due.. le solite chiacchere, stessi luoghi ma adesso… sono iniziati gli europei.

– Ahò ce see pure tu ogge? Era ‘m pò che ’n te vedevo? Ma ’n d’eri ito?

– E llete và, ho beccato la febbre, me sò fregato l’altro ggiorno na ventata.. ma te par’a tte ch’a giugno pare de stà llà pè la Candelora? M’è toccato bbèv’ a cannella l’antibioteco!

– Me dispiace quell’ò.. capirai cò la tu moje llà ppè casa!! Me te posso mmagginà! T’ho nel core!

– Zitto và, me pareva de stà a scòla quanno la maestra me metteva mal cantone! Continua a leggere

i soliti due

175_accettura_sud_italia-1-di-1I soliti due vecchietti.. si rincontrano.

– Eccolo và sto rincujjonito, ma nt’evo detto de chiamamme che ti vinivo a pijà?

– E llete llì me so fatto portà ggiù dal mi fijo… fin’acchè stò lupino me dole me tocca famme sportronà da questoro.

– Ah vabbè quann’è così.. là llà. Veni qua và, mò se famo ‘n caffeuccio, na partitella a robbamazzo e se rifrescamo qui ma stà rindièra.

– ‘N caffè? Io annarebbe ggià a magnà ‘l rocchie su lo spito

Continua a leggere