E’ diventata…

40051781_1803997376385346_2831320725892104192_oL’Italia sembra diventata il posto dove s’invocano regole solo per gli altri, dove si dice “echeccazzo un ‘attimo!” mentre si parcheggia nel posto di un disabile, dove c’è uno che ha sempre più fretta o uno che ha più diritti e meno doveri degli altri.
E’ il posto dove se posso mi sottraggo, dove di norma ritratto o dileggio, dove se conosco ottengo e dove se avanza prendo. Continua a leggere

la scala pè la dimograzzia

175_accettura_sud_italia-1-di-1

I soliti due vecchietti. E’ sempre più caldo e, al bar o alla panchina della piazzetta, si ritrovano per discutere di quello che vedono, di quello che vivono, di quello che sono.
Questa volta salgono, pian piano, sulle scale ripide di un concetto che definiamo assodato…

– Ma hà visto c’hanno fatto l’altro ggiorno mal consijio communale?

– Ahò e famm’arrivà, ‘orcanculata, manco so rrivato gà rompi li cujoni! Continua a leggere

vi prego…

13731968_1020473338071091_3345200943905817089_oMi inginocchio, di fronte a tutti voi e Vi prego.
Dal più piccolo dei bambini al più alto dei ragazzi.
Ho una cosa da chiedervi, dal profondo del cuore. 
Una preghiera.

Vi prego, accendete la curiosità, fatela ardere,
tenetela viva, alimentatela con le storie che raccoglierete
servirà per un viaggio, quello di ritorno.

E poi… Continua a leggere

siamo dei fenomeni…

13700197_10208288300579882_8567317591982301433_nNon c’è nulla da fare.. siamo dei fenomeni.

Giungo a questa conclusione dopo una serie di considerazioni.

La prima: in un mondo dove la logica prevale, un paese come l’Italia potrebbe vivere di turismo in un contesto decisamente sostenibile. Invece viviamo di corruzione, in un degrado simile all’inferno dantesco, normalizzando tutte le nostre devianze.  Continua a leggere

in viaggio con un libro

13407282_989353187849773_7134352943914999682_nIl bello di un viaggio è che puoi leggere un libro.
Ti cancella il rumore intorno, il caldo, la fame o la sedia scomoda, annulla lo spazio per produrne altro, apre porte che non si vedono e chiude il palese.

Un libro ti porta sempre da altre parti, moltiplica la conoscenza con l’esperienza altrui, costringe a idealizzare e a ragionare. Se poi è scritto bene, se ti prende per mano e con calma ti cancella il pregiudizio, arrivi a veder cose che nessuno può farti vedere, perchè sei tu che le crei, sei tu che processi quelle formiche nere e le trasformi in pensieri, in collegamenti alla memoria e in attivazione della proiezione.  Continua a leggere

Il degrado del rimorso.

Schermata 2016-04-01 alle 15.38.07Questa nota la intitolerò “il degrado del rimorso”.
La dedico a chi ha perso la vita per questo paese.

La ‪#‎Guidi‬ si dimette dalla carica di Ministro.
Il ministro dello Sviluppo economico compare nell’ordinanza di custodia cautelare che ha portato all’arresto di sei dipendenti dell’Eni per traffico e smaltimento di rifiuti.  Continua a leggere

il turismo del futuro..

imagesOggi, nell’ambito del Festival MEDIOERA, ho partecipato per puro caso ad una conferenza tenuta da Maurizio Goetz (consulente di Marketing e turismo) sulle modalità odierne per attirare turisti nelle nostre località. Si spiegava come ormai, vista l’offerta, non è più così importante il luogo ma è fondamentale suscitare attenzione circa storie ed eventi passati per creare un substrato di curiosità che possa spingere il viaggiatore alla sosta e non solo al passaggio. Chiaramente non era presente nessuno tra le “massime” autorità cittadine. 

All’uscita, da uomo del terzo piano, da signor Bigaroni del terzo millennio, ci ho pensato su. Mi sono ricordato di aver pagato, tempo fa, un sovrapprezzo di 50 cent perchè il cable car di S. Francisco su cui ero salito, era stato guidato “nientepopodimenochè” da Humphrey Bogart, così come, in un bar lungo la strada per Yosemite, c’era sempre gente a sostare perchè vi era passato un famoso personaggio del mondo a stelle e strisce.

Continua a leggere