Lily

71220059_2405965239521887_3201524925164683264_o.jpgIl dolore se arriva all’improvviso trasforma il silenzio in buio.
Non avevo mai, mai provato un dolore simile.

Adesso sono qui, a ricordare la voce di Ida che la chiama: “Corri Lily ci sono le farfalle, corri, valle a prendere, sono dietro il vaso…” E lei che guarda curiosa, come a chiedere consenso per regalarci la sua danza fra l’erba.

Dormiva quando sono arrivato, era come al solito, a ciambella sotto la finestra, gli ho carezzato le orecchie, gliele ho stropicciate, mi ha guardato di lato e mi ha fatto le fusa.
4 ore dopo eravamo lì a guardarla andar via. Continua a leggere

Ero di destra. Oggi rinuncio.

69626531_10217164081908868_190691922262622208_n.jpg

Ero di destra e oggi sono solo.

Sono sempre stato di Destra, forse un po’ più per quella storica che avevo letto sui libri e per quella sociale poi, ma mai, e sottolineo mai, per quella estrema. Ridotta ai minimi termini la mia era un’idea che è sempre stata per regole e rispetto, per onore e Patria. Sono per la giustizia, per il fiscalismo, per l’equità nei rapporti stato-cittadino, per decoro e ordine, per responsabilità e dovere, per organizzazione e merito. Di contro non sono un conservatore, specie con il mondo che va a questa velocità e di sicuro non sono un sovranista, specie per gli accordi di cui siamo parte integrale e integrante e per quanto dipendiamo dagli altri per concetti, ahimè, non di piccolo dettaglio, come energia ed economia. Identità, radici, storia e cultura, sono il collante aggiuntivo. Continua a leggere

17 minuti spesi bene

Penguin-Paul-Nicklen.pngC’è un uomo su un palco. Parla, racconta, condivide splendore e bellezza. Ad un certo punto, dopo 10 minuti di battute, immagini e meraviglia, dice qualcosa:
“When I’m on my deathbed, I’m going to remember one story more than any other” dice. Che significa: “Quando sarò sul letto di morte, più di ogni altra ricorderò questa storia.”

Ecco, questo dice, ad un certo punto, uno dei più grandi fotografi viventi forse il più premiato, acclamato, preparato fotografo di NATURA al mondo. Lo dice a metà di un “talks”, di una chiacchierata, di 17 minuti, ripresa e filmata da un palco di Ted.com (*), uno di quei siti che ti restituiscono la internet nella sua accezione più positiva.

Continua a leggere

il tifo e i calci nel perineo.

Schermata 2019-08-25 alle 13.58.48.jpgBello il tifo.
E’ gioia e energia, a volte passione e amore.
In altri casi però diventa controproducente, specie quando va oltre la logica e la ragione e quando sfocia in violenza e odio.
Un po’ come con l’attuale crisi di governo.

Basterebbe ricondurre tutto in ambito Costituzione, non al tifo.
Bisognerebbe ragionare, andare a guardare chi siamo, come funzioniamo, magari ripercorrendo cosa accadde prima e questo bisognerebbe dirlo anche a quelli che si sperticano le mani a dire: “andiamo a votare”, “sii, andiamo!” Continua a leggere

il mondo al contrario

10580007_937158153069277_8010918856235256672_nL’ #Amazzonia brucia e #Bolsonaro accusa le #Ong che cercano di proteggerla.
Nel #mondoallarovescia le vittime diventano carnefici, i crimini sono protetti per decreto e i poveri votano per i potenti.

Ahimè si, Ne sono pienamente convinto, pur non avendo velleità di convincere nessuno.
Una premessa sull’opinabilità del post. La prima frase è riferita a ciò che tutte le agenzie di stampa stanno passando ed è riferito a quello che ha risposto il presidente brasiliano sulla situazione attuale degli incendi in Amazzonia.
C’è poco da chiosare. Continua a leggere

come stae quell’ò

175_accettura_sud_italia-1-di-1In un posto qualsiasi di Viterbo.
Due signori, le scarpe un po’ consunte dai chilometri e dal tempo, i passi corti, i berretti per proteggersi dal sole, gli occhiali, la camicia con la canottiera sotto.
Al bar o sulla panchina, quelle poche che sono rimaste.
Sentiamo.

– Era ‘n po’ che ‘n te vedevo!
– lo dichi tu a me?
– Te possin’ammazzatte… avoja a cercatte.
– Sò ito ‘n ferie cò la mi fija, dice che ‘l male me fa bbono. Io invece dico che so ‘nnato a teneje li fiji mentre essa pija ‘l sole. ‘Ossa magnà ‘l sapone! Continua a leggere

sugo e sudore

68751620_2356172727834472_6996088424776073216_n.jpgCi sono giorni speciali e questo è uno di quei giorni.
Si, oggi 22 agosto.
Uno di quei giorni in cui la memoria a lungo termine scalpita per uscir fuori a prender aria, in cui le cellule del mio cervello si organizzano a ricordarmi che oggi succede qualcosa e che questo qualcosa a me manca come l’aria che respiro.
E’ uno di quei giorni che rimangono dentro, come a segnare capitoli in una vita colorata molto spesso di meraviglia.

Perché tra quei due anni indimenticabili, passati a seguire le vicende di un miracolo, in quell’esperienza incredibile e, contestualmente, così devastante, tanto che mi ha fatto riconsiderare tutto il mio essere “viterbese”, in quel regalo avuto dalla vita, in quelle due estati passate fra vernici e plastica, fra bruti e bambini, ci sono delle cose che mi ritorneranno in mente sempre e alcune che non dimenticherò mai.

Continua a leggere