la scala pè la dimograzzia

175_accettura_sud_italia-1-di-1

I soliti due vecchietti. E’ sempre più caldo e, al bar o alla panchina della piazzetta, si ritrovano per discutere di quello che vedono, di quello che vivono, di quello che sono.
Questa volta salgono, pian piano, sulle scale ripide di un concetto che definiamo assodato…

– Ma hà visto c’hanno fatto l’altro ggiorno mal consijio communale?

– Ahò e famm’arrivà, ‘orcanculata, manco so rrivato gà rompi li cujoni!

– Veni qua!

– Che dichi? Spè, … famme mette a sede.. anche perchè se stò ‘n piedi manco te sento…

– Stav’a ddì, ma l’hae visto ch’hanno fatto?

– Ndove?

– Al Commune? ’L giorno prima n’c’era nessuno, c’erano solo quell’antri. Poe, quann’era de seconda convocazzione, ‘l giorno doppo, ce so iti perchè bastavono de meno pè decida. E hanno fatto pure lì sparagrossi, se la tiravono, come pè ddì: mò stamo qquà, tocca dicide, namo, damoje ggiù.. tocca fà.. ce semo, che cazzo aspettamo?

– Come sarebb’addì? Prima quann’è che ce vònno li nummeri ‘nce sei e stai al mare e poe? Quanno abbastano 4 cani morti fae ‘l fanateco? Ma lete? Ma pè davero?

– Ennò paja! Mica me la so ‘n ventata sa! C’era scritto su li ggiornali, ‘l mi fijo me l’ha fatto vede pure su li compiute, se so detti pure na massa de parolacce, momenti se menavono.

– E cce credo! Què è la dimograzzia seconno lòro.

– Ma lete dimograzzia… Quella vera è quanno c’erano l’anziani de ‘n villaggio, quanno decidevano, tutti ‘nzieme che se doveva fà. C’erano le moji, le fije, si partecipava tutti. Mò ‘n frega più ‘n cazzo a nessuno perchè mò c’emo li rappresentanti. Pensa pure ne le tribbù c’era l’assemblea.

– Mò se semo evoluti. Lo Stato grosso, cò le leggi, reclama pè sè tutti li diritti, mica se ponno sta a sintì le genti? Scherze? Mica poe stà a sintì li zuccaroni?

– Beh noi delegamo l’altri a tenè ‘l potere. C’hanno nzignato che què è ggiusto.

– Giusto? Tu servi solo pè votà e poi ‘n c’hai più nessun controllo su quello che succede. Pensa tu… E noi pagamo questoro pè guvernacce. Li pagamo! Capito come?

– Come s’io facessi guvernà la mì scrofa a uno che ‘n sé mai sporcato le mano de merda. Che cazzo ne sanno questòro de come vivono li cristiani? Lo dicono solo quanno ce so l’elezzioni.

– Guà, seconno me, p’esista la dimograzzia hanno da succede ‘m po’ de cose: la prima fregna è che ‘l voto ha ddà essa uguale. Il voto mio è come ‘l tuo, poi ha ddà esse libbero, no me devi di ch’ho dda fa, poi dopo c’ho votato io posso controllà quelli c’ho votato, poi tutto ha dda esse trasparente e poi dovemo esse tutti uguali.

– Què so le regole de la dimograzzia? Allora n’è dimograzzia.

– Come sarebbe a ddì? C’hanno fatot dù cojoni come li portogalli che dice che semo in dimograzzia!!! E mò n’è vero?

– Pensece! Tu m’ha detto ‘n po’ de cose. Io te dico che n’è vero.

Tu hà detto che ‘l voto ha ddà essa uguale. Il voto mio è come ‘l tuo. N’è così perchè se dieci se mettono d’accordo contano più de 10 che non so d’accordo e che votano gnuno pè come je pare.

– Eh sì ha raggiò!

– Tu m’ha detto poi che ha ddà esse libbero, e pure què nn’è vero! Perchè se io te fò ‘n favore poi m’aspetto che me voti, oppure se me voti te fò ‘n favore!

– Eh, si ha raggiò!

– Poi hà detto che posso controllà quelli c’ho votato, e ‘nvece non controllamo più gnente! Na vorta che so saliti su fanno come je pare come questòro qui al Comune. Poi hà detto che tutto ha dda esse trasparente e n’è vero perchè tutto è segreto e nessuno sa più qual è la verità. Basta che guardi quello ch’è successo stì giorni cò le notizzie del lago de Borzena. ‘L giorno pirma tutto nquinato, ‘l giorno dopo tutto bbono.

– Ennò! L’ho nteso.. pure què l’ho nteso..

– E poi ha detto che dovemo esse tutti uguali. Què è la cazzata più grossa. Io pè fa n’ecografia c’ho messo n’anno, ‘l padrone del mi fijo l’ha fatta ‘n dù giorni perchè è amico del professore. Stamme a sentì, L’uguaglianza sarà ‘n diritto, ma nessuno l’ha fatto diventà ‘n fatto…

– Minchia, m’hai distrutto..

– Manco ‘l caffè voi?

– Se ‘l caffè…la camomilla me ce vole..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...