è què la dimograzzia?

175_accettura_sud_italia-1-di-1

I soliti due vecchietti, dopo aver pianto, pochi giorni fa, per il treno in Puglia, si ritrovano di nuovo. Stesso bar o stessa panchia, non importa, è il mondo intorno il teatro e la loro coscienza l’attore…

– Eccom’è?
– Com’è che?
– Ch’ogge sei tutto vistito bbene? N’da d’annà?
– Ho ddà fa na cosa, che me sento de fa.
– Sintimo què và, spieghete…
– No no, ‘n te la dico.. sennò me piji pure pel culo.
– Ellete llì, te lo prometto, non te chicchiero!
– Ho dd’annà a ddì dù cose mal Signore…
– Ma come? ‘Nsei mae stato cristiano, biastimi pure come ‘n sartafosso e mò? Voe annà a pregà? E perché? Tu poe! E llete gojo…
– Perché? Perché c’è e c’ho bbisogno! Ce vojo annà vistito bbene, ce vojo annà pè dije che io so uno che, anche se ‘n c’è mai llà pè le chiese, ho sempre fatto il dovere mio, che ho sempre rispettato tutti e pagato gnì cosa e ch’ho sempre lavurato pè li fiji e la famija come m’eva ‘nsignato la mì mà e ‘l mi pà. E n’ho mae rubbato gniente!
– Embè ma che vor dì stà cosa? A che serve?
– Che je vojo di? Te lo dico io che je vojo dì! Ma te pare normale a ttè che tutti li giorni ce so tutti st’mazzamenti e che morono tutti s’ommini e stì fiji? Ha capito? Morono pure li mastietti, quelli ne le carrozzine, ‘l futuro nostro! Ma te pare normale che mentre sò cò li nonni o cò li ginnitori, mentre c’hanno l’occhi pieni de meravija perché magara sò iti a veda li fochi d’artificio, vene uno cò un cammio e li sparecchia come farebbe na faina dentro na cunijara? N’è normale daje! So ‘n cazzato cò lue pure..
– Beh.. ma che vor dì?
– Arifacce!!! Come che vor dì? Po’ esse che se semo così nzumariti? L’altro ggiorno eremo qua a piagne e a biastimà pè li treni che se pijono perché semo zuccaroni noi. E mò li cammi là pè ‘l lungomare, poi questòro che fanno li gorpe ‘n Turchia… tutto pè chè? Pè la riliggione.
– Un gorpo che l’ammazzi! Nò ‘l golpe. L’ha visti pure llì quanti n’hanno levati via?
– Ha’ capito come? Ma po’ esse?
– Po’ esse, po’ esse. Sai che è? E’ la dimograzzia, è ‘l capitalismo. Prima producevamo e magnavamo solo quello che ce veniva su, prima c’erono le regole. Mò magnamo ‘l pesce e le fregne scicche e le regole ‘n ce s’ò più… e mazzamo! Mazzamo e mazzono tutto e tutti. Te chiedo: se ponnò ammazzà le genti pè na cosa che ’n se sà nemmeno se esiste? Què je dovresti dì, che non se pò fà morì quelli che esistono già pè na cosa che n’è certa e se base solo su quello che credi tu.
– No no, n’è manco que! Se semo ‘ngojiti tutti. SI ce fae caso, c’è l’odio llà ppè le strade, c’è la legge dell’ommini che serve solo quanno serve a li potenti e le leggi del Signore l’emo buttate. C’è la gente poi, che dice che c’ha l’amici ‘n tutto ‘l monno e ‘nvece è sempre più sola
– E sempre più cattiva.
– Ma poe, què è la dimograzzia? La volevo mannà a gente che c’ha li secoli de storia diverza da la nostra? Che conta la vita ne ‘n modo diverso dal nostro? Come cazzo potevo fa se pure noi famo finta d’aveccela? La volemo pure esportà? Lete llì.. E’ che è finito gni cosa. Mettece pure che ‘l Signore s’è scordato de li fiji sua. Lui, o Budda, o Manitù de li giornaletti de Tex, Maometto… tutti.. se so tutti scordati e è tutto un corre, para e pija..
– No quell’ò, non zò d’accordo! N’è che so Lue o loro che n’ce sò più!
– E che allora?
– Semo noialtri! Semo annati tutti a donnacce, a sordi e a vino. Dell’altri ce frega ‘n par de cujoni, e pure se ce fosse ‘l Signore o quelli che dichi tu…
– Beh? Continua!
– Semo noialtri che non sentimo più.. nze risolve gnente a stà zitti pè ‘n minuto. Quante volte ce dovemo stà zitti pè un minuto? E a che serve stà zitti ‘n minuto. Serve la capoccia. E Servirebbe’l zilenzio, spesso anzi, sempre.
– Ecco.. allora vò llà ‘n chiesa…
– Lascia perde.. n’serve.
– No, avoja se serve! Almeno a me me serve.. almeno c’è ‘l silenzio, quello c’hai detto mò.. Quello serve.
– Ha raggiò.. ha raggione pure tu.
– E magari, visto che c’è ‘l silenzio, c’è la possibbilità che se potranno sentì le preghiere de quelli che ancora pregano pè ‘n mondo de pace…
– Voi ‘l caffè prima d’annacce?
– Pijamolo và…
– Amaro?
– Amaro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...