non può essere un buongiorno…

Schermata 2016-07-15 alle 06.27.23

Sono le 5 di mattina, sto guardando immagini d’orrore, ancora una volta che arrivano da Nizza. Non trovo più termini per definire cosa siamo diventati.
Tutti, nessuno escluso, perché le radici dell’odio sono ovunque.
Ripensavo a ieri. Avevo scritto una storia, la solita storiella dei due vecchietti viterbesi che si incontrano, relativamente sullo scontro dei treni in puglia e la morte di provenzano.

L’avevo scritta pesante, c’ero andato giù duro, specie nell’ultima parte. Il concetto che volevo far passare era proprio questo. La pietà, e la colpa dentro di noi.. La metto qui sotto, ho aggiunto la fine. Per chi vorrà leggerla, sono i soliti due, di fronte alla disperazione.

– Eccote và..

– Ciao quell’ò, come stae?

– Com’ho ddà stà? Me dole gnì cosa, st’umido e stò callo. La notte se more…

– Eh ssì, ma ‘n se lamentamo sa.. l’hae veduto quello ch’è successo laggiù ma la Puja, de quel treno…Poracce lòro! Orcanculata che pornella! Ma te pare?

– Me pare sì, d’altronde che t’aspetti? Avoja a ddì: “Abbòzza e èssa bbòno” Qui ce sarebbe dà strillà gnì ggiorno. Io me dispero a vede quelli poracci sotto ar zòle, quelle bare, quelli disgrazziati a’spettà pè sapè se hanno dà campà col rimorzo de non’avè salutato la moje, li fiji, quanno so usciti de casa. Io ‘m pazzirei. E pè chè? Pè chi?

– Ti n’accorgerae, si nun zè sórdo, mò stàvveda che succedarà. Mò li stessi fregni che cercano li responzabbili sò li stessi che ‘n s’accorgono che li treni ndò viaggiano li cristiani ‘n so come quelli ‘n do viaggiano lòro. E quanno troveranno quelli che penseranno hanno dà esse colpevoli je diranno: “ahhh ve c’ho pizzico eh!” come pè ddì “è nnata bbene, èmo trovato chi se po’ pija tutte le corpe”.

– Lo fanno, lo fanno. Ma la corpa è la nostra. E’ abbetùdene. Se t’abbeverassero còl piscio tutte le giorne a la fine n’ce fae più caso. Eqquè è quello che ce capita man tutte. Semo tutt’abbituate a stò porcareccio.

– Hà raggiò! Che poe,… Li sordi ce sò pè fa le cose nòve, te li danno pure pè ffà le fregne e tu che fae? Aspetti l’anni!

– Perché, secondo me, c’ormae a stì zuccaroni ‘n ce credo ppiù, ha dà vede come addistribbuilli. Li sordi so sordi.. e che fae li dai a quelli che lavorono? E bbasta?

– Che poe, nonvolènno, ce vanno de mezzo sempre quelli che hanno sempre fatto ‘lavoro suo. Quer capostazzione m’ha fatto na pena quell’ò…

– Lo so, mica è colpa sua se eva da chiamà cò li segnali de fume. M’hanno fatto più ppena però le facce de quelli cristiani rovinati, quelle foto de quèstòro. C’ho ‘l core che me se strigne.. la morte è sempre la morte.

– Già.. pè nnoe po’ essa na liberazzione, la fine de na strada, ma pè quelli? Che cazzo c’entravono?

– ‘N compenso è morto pure quello mafioso, ha veduto?

– Ennò! Cazzo l’hanno detto a lo teleggiornale come fosse uno che toccava rispettallo! Fosse pè mmè manco davo la notizia.

– Io quell’ò, me piacerebbe solo na cosa…

– Quala?

– Che quanno l’anima de quèlue entrerà nell’anticammera, pe annà de fronte al Signore o a chi c’è sopre de noe, dovrebbe trovà tutti quelli ch’ha fattò ammazzà a aspettallo. Se li dovrebbe trovà tutti lì, in silenzio, che lo guardano. Pure se n’c’entrava gnente. Quanto me piacerebbe! E me piacerebbe che ce fosse Farcone, Borzellino, li polizziotti de le scorte che so morti mmazzati. Me piacerebbe davero. Me piacerebbe che stò capo mafia arrivasse e questoro je vanno ‘ncontro.. pè abbracciallo, pè daje la mano.
A dije: Emmò? E mò ch’è finito tutto c’ha risolto? Vedi? Semo tutti qqua! adesso ce vedrai sempre, ce volevi fa sparì e nvece ce vedrai sempre..
Veni, veni de llà.. te famo conosce ‘n po’ de altra ggente. Pensa, què so venuti qua da poco.. sò 23 poracci che grazzie a come ete ‘mparato a fa le cose n’itaglia se so ritrovati qua.. perché quelli come te, nsegnono a falli scappà li fiji, a diminuì le possibbilità de potecce stà. Veni, veni de qua.. Ha capito, quell’ò à che cazzo me piacerebbe?

– …

– Ahò.. e…. e.. che cazzo fai?

– …

– Ellete llì, e che c’è bisogno de piagne?

– Sniff… sì.. checc’è bisogno.. oggi c’è bisogno.

– E che cambia dall’antri giorni?

– Gnente, gnente, percarità… E che certe volte penso che sarebbe mejo annassene pè sempre…e non guardà quello che semo diventati.

– No, quell’ò. Io stà soddisfazzione nu je la darò mae. Fino a che rispiro io vojo essece. Non vojo solo passà. E se serve, io ce sò, pure s’ho ddà scavà cò le mano, ma pure se te devo dì che me fai schifo, te ll’ho dda dì pure cò la bava, prima de morì.. Servono tutti oggi. Servimo tutti…

– Te vojo bbene quell’ò, quasi come a la mi moje…

– Lo so.. mò però tienete stò fazzoletto e sciughete… gojo…

– sniff.. sniff.. zitto’m po’!! ..Ha’ nteso? l’hàe nteso pure tu?…

– No, che era?

– No lo so.. come l’urla de tanti cristiani.. de dolore, n’urlo lontano, m’è sembrato de sentilli.. erano na massa..

– Mesà che toccherà continuà a piagne..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...